Corso di scacchi per bambini – Inchiodatura

//Corso di scacchi per bambini – Inchiodatura

inchiodatura

La seconda lezione del corso di scacchi per bambini di livello avanzato si è svolta, regolarmente, nella sede di Radio Talpa.

 

ATTENZIONE!

Il prossimo mercoledì la sede non sarà disponibile, chiedere a Marco Belemmi per conoscere orari e luogo del prossimo ritrovo!

Nelle scorse lezioni abbiamo osservato quanto può essere incisivo un alfiere, la sua forza è esplicitata mettendo in pratica la sua peculiarità:

L’inchiodatura, che a seconda del pezzo inchiodato si divide in:

inchiodatura assoluta” e “inchiodatura relativa“.

Ora, le lezioni di scacchi trattano temi che sono di interesse anche per giocatori esordienti, per cui oltre ai bambini:

  • Davide Caminneci, Gani Sejdi, Nicola Terenzi e Pietro Bugo, hanno seguito la lezione interattiva, anche gli adulti:
  • Claudio Bonelli e Andrea Bertuccini.

Un tema di:

inchiodatura assoluta

si verifica nelle prime mosse della Difesa Francese, l’idea del nero consiste nel contestare il centro, in maniera diversa rispetto alla classica spinta che caratterizza i giochi aperti 1… e5. La mossa potrebbe sembrare timida, in realtà pone le basi per creare la catena di pedoni f7-e6-d5!

Se il nero volesse essere più intraprendente per mezzo della spinta immediata in d5, si troverebbe come minimo a giocare una partita in cui il bianco conquista il vantaggio del piccolo centro, che si verifica quando uno dei due giocatori riesce a portare un proprio pedone in una delle case centrali e4-d4 o e5-d5, mentre l’altro scacchista è obbligato, verosimilmente, a ripiegare in un controllo del centro parziale, piazzando un pedone in e3-d3 o e6-d6.

Il nero intende posizionare stabilmente un pedone al centro!

Il bianco ha diverse repliche giocabili:

  • 3. exd5
  • 3. e5
  • 3. Ad3
  • 3. Cd2
  • 3. Cc3 che ci permette di produrre una inchiodatura relativa per mezzo di 3… Ab4!?

Ora il nero sta minacciando di catturare il pedone in e4 perchè, come ha fatto notare Pietro, il cavallo è inchiodato in modo assoluto, poichè non può lasciare indifeso il re che si trova alle sue spalle, quindi il nero potrebbe giocare 4… exd4 senza che il pedone possa essere ricatturato! Ovviamente, il bianco ha delle risposte efficaci!

Spingere il pedone in e5 che permette di comprimere il lato di re del nero.

Rilasciare la tensione centrale per mezzo della cattura exd5, questa continuazione non è particolarmente fastidiosa, il nero eguaglia il gioco tramite la ricattura di pedone, continuando a perseguire il piano di stabilizzare un pedone in d5, mentre la ricattura di donna non è raccomandabile, dopo 5. Cf3 che continua a sviluppare un pezzo, 6. Ad3 sviluppo di pezzo, controllo della casa e4 e preparazione dell’arrocco, il bianco conquista o un decisivo vantaggio di sviluppo o il vantaggio della coppia degli alfieri.

Claudio ha proposto anche delle interessanti idee che contemplano il sacrificio del pedone in e4:

Senza addentrarci nella teoria avanzata di quelle varianti, che sono peculiarità di uno studio più approfondito e che sarà utile eseguire solo quando i bambini avranno raggiunto una adeguata dimestichezza con tutti i temi strategici, siamo passati ad analizzare una famosa situazione di:

Inchiodatura relativa.

Lo scaccomatto di Légal ci fa capire quanto sia importante il vantaggio di sviluppo e quanto il valore dei pezzi sia relativo!

Siccome i bambini devono giocare partite di scacchi, oltre che per allenarsi, anche per divertirsi e svagarsi dagli impegni scolastici, ho lasciato loro circa 40 minuti di assoluta attività ludica!

 

Nella prossima lezione approfondiremo lo studio sulle strutture di pedoni!

2017-12-08T19:32:03+01:00

Contatti

Accademia Scacchistica la Regina Viale Carducci 115 47841 Cattolica RN

Web: Sito Web Ufficiale