Difesa Scandinava – L’Immortale Peruviana

//Difesa Scandinava – L’Immortale Peruviana

Difesa SCandinava

La seconda lezione del corso di scacchi riservato a tutti coloro che hanno elo FIDE/FSI inferiore a 1441 punti elo, è stata curata da Marco Sala, attuale Direttore Sportivo dell’Accademia Scacchistica “La Regina”.

 

Marco ci ha proposto una sua analisi dell’Immortale Peruviana, giocata in occasione di una simultanea nel 1934, dal futuro Grande Maestro Esteban Canal! In modo molto dettagliato ha spiegato le idee che si nascondono dietro le mosse giocate dal bianco e dal nero.

1. e4 d5

Il nero adotta la Difesa Scandinava, l’apertura favorita del Tesoriere Massimo Tomasetti.

2. exd5

Unica mossa che mira a conquistare il vantaggio in apertura, altre mosse sono giocabili, ma non impensieriscono il nero.

2… Dxd5

Marco e Massimo hanno giocato un centinaio di partite sulla Difesa Scandinava, partendo da questa posizione. Il gioco è tagliente, il bianco ha l’iniziativa, ma deve fare attenzione a non farsi prendere in contropiede.

3.Cc3

Assolutamente logica, sviluppo di pezzo con guadagno di tempo.

3… Da5

La moderna teoria delle aperture sulla Difesa Scandinava sembra favorire altre ritirate, come 3… Dd6 o 3… Dd8. L’idea di Da5 è fare pressione sulla diagonale a5-e1 e la colonna (a); inoltre non avendo intralciato immediatamente l’ottava traversa, se il bianco replica in modo poco efficace il pedone in d4 costituirà un obiettivo di attacco dopo l’arrocco lungo del nero.

4. d4

Ancora un mossa logica, i bambini hanno capito che devono conquistare il centro con i pedoni.

4… c6

Nella Difesa Scandinava la scelta più comune del nero è costituita da 4… Cf6 che sviluppa un pezzo, ritardare l’uscita del cavallo di re ha un senso se il nero vuole sviluppare l’alfiere in f5. In partita l’alfiere sarà sviluppato in una casa, apparentemente, più aggressiva.

5. Cf3

Manuale di apertura, sviluppare prima i cavalli e poi gli alfieri.

5… Ag4

Una scelta rischiosa, in g4 l’alfiere diventerà un bersaglio.

6. Af4

In partita questa idea ha funzionato, comunque attaccare immediatamente l’alfiere con 6. h3 sembra una scelta piu incisiva.

6… e6

Avendo già messo sotto controllo la casa d5, era da considerare anche 6… Cbd7

7. h3

Ponendo al nero l’eterno dilemma, cambiare l’alfiere sul cavallo o ritirarsi?

7… Axf3

Chi sviluppa l’alfiere in g4 in genere non si pone problemi in merito
alla rinuncia della coppia degli alfieri. Tuttavia è una scelta che non mi
trova concorde. Rinunciare all’alfiere senza avere un vantaggio strategico non può che essere una scelta errata. Comuque alcuni giocatori preferiscono cambiare i pezzi per cercare una via per il pareggio, ma cambiare i propri pezzi migliori è raramente una buona idea.

7… Dh5 8. hxg4 Dxh1 9. Ce4 con vantaggio decisivo. {Regina Bye Bye}

8. Dxf3 Ab4

Continuando a giocare male! I cavalli!!! Bisogna sviluppare i cavalli!!!

9. Ae2 Cd7

Di per se non è un errore, ma persegue un idea errata, non avvedendosi di un colpo tattico.

10. a3

Per i maestri che conoscono il matto di Boden, la trappola in questione non costituisce una novità, ma colui che ha inventato tale sequenza deve avere avuto un bel colpo d’occhio e una intuizione alquanto arguta.

10. O-O vantaggio del piccolo centro, vantaggio della coppia degli alfieri, vantaggio di sviluppo, non è difficile capire quale dei due colori sia uscito meglio dalla fase di apertura. La Difesa Scandinava mira ad attivare velocemente tutti i pezzi, siamo altamente fuori dai vantaggi che tale controversa apertura può fornire.

10… O-O-O

cadendo in pieno nella trappola

10… Cgf6 11. Tb1 Ae7 12. O-O O-O
Il bianco è chiaramente preferibile, ma nella posizione del nero non ci sono
debolezze strutturali.

10… Axc3+ 11. bxc3 Ce7 12. O-O

Consigliare un piano di gioco per il nero, alternativo alla difesa passiva, va oltre a tutti i principi posizionali. Il nero non può aprire la posizione per non accentuare la differenza di valore tra la coppia degli alfieri e la coppia dei cavalli. I pedoni doppiati sono un falso problema, la colonna b aperta è un compenso più che sufficiente per bilanciare la migliore struttura pedonale del nero.

11. axb4

Giocata senza paura, il bianco ha visto ben oltre al sacrificio della qualità.

12… Dxa1+ 12. Rd2! Dxh1

ora oltre che nella brace il nero è caduto direttamente nel calderone, certo che se il bianco non la vedesse!

12… Ce5 13. Axe5 Dxh1 14. Dxf7 Ce7 15. Dxe6+ Td7 16. Ag4 Thd8 17. Dd6

Il matto in b8 è imparabile, in alcune linee si può mattare anche in c7

13. Dxc6+!!

L’ha vista!!!

bxc6 14. Aa6#

Che vi rimanga impresso quanto sia forte la coppia degli alfieri nelle posizioni aperte!

 

2018-01-26T01:02:40+02:00

Contatti

Accademia Scacchistica la Regina Viale Carducci 115 47841 Cattolica RN

Web: Sito Web Ufficiale